Giovedì al museo – Maggio 2021

Ultimo mese per questa stagione

Giovedì 6 maggio

LA GARFAGNANA DALL’ULTIMA GUERRA MONDIALE AD OGGI: STIAMO ABBANDONANDO I LUOGHI IN CUI VIVIAMO a cura di Ivo Poli

https://bit.ly/museomaggio21 per ricevere l’indirizzo necessario al collegamento.
Ivo Poli, presidente dell’Associazione Castanicoltori della Garfagnana e dell’Associazione Nazionale Città del Castagno, a partire dal suo ultimo libro, “I lamenti di un contadino garfagnino. Esiste ancora il buonsenso?” (Gasperetti Tipografia, 2018), traccerà un quadro della situazione di abbandono in cui versano il territorio, i boschi e i pascoli della Garfagnana. In chiusura saranno illustrate le possibilità future di sviluppo sia agricolo che turistico che interessano la zona. La serata sarà inframmezzata dalla presentazione di alcune registrazioni audio di #GianMirola, realizzate per il programma Quattro Chiacchiere Quattro, trasmesso da Radio Nord Garfagnana alla fine degli anni ’70.

Giovedì 13 maggio

Camminando lungo la via del Volto Santo con Oreste Verrini
https://bit.ly/museomaggio21 per ricevere l’indirizzo necessario al collegamento.

Giovedì 20 maggio

Incontri fantastici sulla via del Volto Santo con il Museo
https://bit.ly/museomaggio21 per ricevere l’indirizzo necessario al collegamento.

L’evento segna la conclusione di uno degli obiettivi del progetto Un Museo per “immaginare” il territorio, ideato dall’Associazione La Giubba ed organizzato dal Museo, progetto approvato con D.D.R. 19683/19 con il contributo di Regione Toscana.I racconti e le storie presentate durante la serata sono il risultato di un lavoro di sistematizzazione del materiale in archivio al Museo, svolto con il fine di costruire un percorso dell’immaginario folklorico lungo la cosiddetta Via del Volto Santo, che unisca la dimensione ideale e culturale a quella più pratica e turistica. Molte e diverse fra loro le figure incontrate lungo questo cammino: il Cilla, le fate, gli streghi, buffardelli dispettosi e cavalli bianchi, l’osteriaccia, serpenti volanti e draghi, un corvo nero e una donna alta vestita di bianco, caproni, morti che tornano, il Marsilio, la bimba col vestitino rosso, il Ghigo, il Berrettin Rosso ed infine il diavolo. Ecco, dunque, un itinerario che si dipana seguendo le orme della narrazione orale, inseguendo i personaggi che popolano paesi e boschi per restituirli alla memoria della collettività.

Giovedì 27 maggio

Se Apollo assisterà la mente mia – L’ottava rima, storia contesti e forme

Incontro con Marco Betti e Cristina Ghirardini dell’Università di Huddersfield (GB).

Prenotazioni: https://bit.ly/museomaggio21

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.